“Arabo”: La Lingua Rubata Agli Egizi

“Arabo”: La Lingua Egiziana Rubata

 

L’ascesa e il successo inatteso delle forze islamiche nel 7 ° secolo CE spinse la necessità di scrivere il Corano. Gli Arabi Moslem si strapazzarono, dopo l’improvviso aumento e il successo delle loro forze, per far stampare il Corano. Essi utilizzarono lo stile corsivo antico egizio esistente che era comunemente usato in Arabia settentrionale, e cercò di fare una lingua indipendente fuori di esso.

La lingua araba (coranica) cercò di sembrare diversa dalla sua antica origine egizia riorganizzando l’ordine dell’alfabeto ABGD a a, b, t, TH, ecc., che causò loro più problemi. Altre lingue semitiche, come l’ebraico, mantennero lo stesso ordine dell’alfabeto ABGD.

È stato ed è un patetico tentativo di dare una forma di identità ad una nuova “religione” assegnando loro un linguaggio “nuovo”. Con l’eccezione di alcuni cambiamenti nelle forme di lettera e aggiungendo un sacco di punti, rimane la lingua egiziana antica in ogni e tutti i saluti. Ulteriori analisi delle forme di lettera nell’antico Egitto rispetto alle presenti forme di lettera si trovano nei capitoli 12 e 23 di questo libro. Questa sceneggiatura araba contorta sopravvisse e continua a sopravvivere solo perché è l’unica lingua consentita per il Corano e le preghiere per i musulmani. Il destino dell'”arabo” è legato al destino dell’Islam.

Nonostante tali tentativi, l’egittologo britannico Alan Gardiner, nel suo libro la Grammatica egiziana, pagina 3, ha dichiarato:

L’intero sistema vocalico del vecchio Egiziano può infatti essere dimostrato di aver raggiunto una tappa simile a quella dell’arabo ebraico o moderno

Come per altri pilastri di un linguaggio come la grammatica, la sintassi, ecc, rimane esattamente come la lingua egiziana antica.

L’egittologo britannico Alan Gardiner, nel suo libro la Grammatica egiziana, pagina 2, ha dichiarato:

La lingua egiziana è correlata, non solo alle lingue semitiche (ebraico, Arabo, Aramaico, Babilonese, ecc.), ma anche per le lingue dell’Africa orientale (galla, somala, ecc.) e gli idiomi berberi del Nord America. Il suo legame con questi ultimi gruppi, conosciuti insieme come la famiglia Hamitica, è un soggetto molto spinoso, ma il rapporto con le lingue semitiche può essere definito in modo abbastanza preciso. Nella struttura generale la somiglianza è molto grande; Egiziano condivide la peculiarità principale di semitico in quanto la sua parola-steli consistono di combinazioni di consonanti, come regola tre in numero, che sono teoricamente almeno immutabile. L’inflessione grammaticale e le variazioni minori di significato sono escogite principalmente suonando i cambiamenti sulle vocali interne, anche se le terminazioni apposte vengono utilizzate per lo stesso scopo.

La “lingua araba” rispetta esattamente le caratteristiche linguistiche della più antica lingua egizia, descritta dettagliatamente nel capitolo 15 di questo libro. Tali includono (ma non sono limitati a) antico egiziano prototipico interconnesso lessico, grammatica, e la sintassi come il significato dei verbi, radici verbali, gambi verbo,, classi di verbi e strutture, lo schema di coniugazione per i verbi, e il prototipico egiziano Etimologia/Lessica e formazione di parole/derivazioni da una radice di tre lettere (che significa un certo concetto generale) in numerosi modelli attraverso l’uso di vocali intermedie e prefissi, correzioni e suffissi, ecc.; oltre a tipi e strutture di sillabe, nonché gli ordini di sintassi/parola e tipi di frasi.

E proprio come gli antichi scritti egizi, il cosiddetto “arabo” impiega due script primari con diverse varianti calligrafiche che continuano ad essere ampiamente utilizzate per vari scopi:

1. facile da leggerechiamato “bassri” è leggibile e chiaroe quindi, “bassri” significa “visione/vista”, con forme arrotondate. Questo stile non ha nulla a che fare con una particolare città/posizione geografica.

2. facile da scriverechiamato “Kufii”, che significa “mano”, che ha anche nulla a che fare con una particolare città/posizione geografica. È scritto con forme angolari.

Non c’è distinzione religiosa nell’Islam per aver usato i suoi zii per scrivere questioni religiose. Tuttavia, alcuni primi scritti sono stati fatti in stile onciale.

E non dovrebbe essere una sorpresa che tutti gli accademici concordano sul fatto che gli esemplari più antichi dei due stili [bassri e kufi] nel “nuovo arabo” sono due passaporti egiziani dell’anno 700 CE e una lettera privata, anche scritta in Egitto, datata nell’anno 670 CE.

Dire che gli egiziani parlano e scrivono “arabo” è totalmente falso e illogico. È il contrario:gli “arabi” hanno da tempo “adottato” e continuano a parlare e scrivere egiziano.

 

[Un estratto dalle modalità di scrittura universali dell’antica egizia di Moustafa gadalla]

Le antiche modalità di scrittura universali egizie

Visualizza contenuti del libro a https://egypt-tehuti.org/product/ancient-egyptian-universal-writing-modes/

———————————————————————————————————————-

Punti vendita per l’acquisto di libri:
R – I tascabili stampati sono disponibili su Amazon.com
B – L’audiolibro è disponibile su kobo.com, ecc.
C – Il formato PDF è disponibile su Smashwords.com e https://books.google.com/
E – Il formato Mobi è disponibile su Amazon.com e Smashwords.com