Come l’unica lingua del mondo [egizia] è diventata molte lingue [forme di lettere e divergenza sonora]

Come L’unico Linguaggio Mondiale [Egiziano] È Diventato Il Molti [Letterforms E Divergenza Sonora]

 

Ci sono fondamentalmente due fattori che hanno causato la variante dialetti/lingue del mondo dalla sua lingua originale di un mondo — essendo l’antico egiziano:

i. Scrivere Le Variazioni Delle Forme Di Lettera E Dei Loro Orientamenti

ii. Variazioni Sistematiche Del Suono

 

i. Le Variazioni Apparenti Di Lettere-Forme In Alfabeti Mondiali Dalla Sua Origine Egiziana

La persona più competente per fornire la migliore visione su questo argomento è Petrie, che ha raccolto centinaia di caratteri alfabetici provenienti da diverse regioni del mondo su diversi millenni. Nel suo libro formazione di alfabeti, Petrie scrisse, a pagina 4:

“Per i popoli analfabeti [fuori dall’Egitto], come i bambini piccoli non apprezzano la forma e/o la direzione di un segno. Così, avrebbe invertito sia le forme di lettere e la direzione di scrittura, o più tardi solo invertire le forme, mentre scrive da sinistra a destra. Non aveva mai mostrato la scrittura invertita, ogni esempio che vide era normale; Eppure l’inversione sembrava non solo involontaria, ma così del tutto immateriale alla sua mente, che riusciva a malapena a vedere qualsiasi scopo per iscritto diretto piuttosto che invertito, i due erano tutti uno in idea.

Questa stessa mancanza di senso di direzione può spesso essere vista nella scrittura non istruita, dove tali lettere come N, S, e Z sono invertite “.

Petrie continua a riassumere:

“Molta luce viene così lanciata sul trattamento dei segni [delle lettere alfabetiche] nei primi alfabeti; sono rivolti verso il basso, o inclinate in un modo o nell’altro, sono scritti invertiti, e la direzione di scrittura può essere da entrambi i lati, o ogni modo alternativamente, come nelle iscrizioni bustrofedica. Tutte queste variazioni non erano nulla per gli uomini che non avevano ancora sviluppato il senso di direzione come ‘ significativo, e che pensava solo della forma in qualsiasi posizione o inversione potrebbe apparire. ”

In conclusione, dovremmo considerare che diversi scritti a mano (con orientamento diverso) possono sembrare rappresentare diversi alfabeti. Prendendo in considerazione le potenziali cause delle “variazioni apparenti”, possiamo tracciare numerose sceneggiature in tutto il mondo alle loro origini, ossia gli scritti alfabetici antichi egizi.

In sintesi, diverse forme correlate di forme di lettera sono dovute a:

Un. Negligenza nell’orientamento delle lettere.

B. Le lievi quattro variazioni in una forma di lettera e le regole di legatura egiziano unici in scrittura corsiva.

C. Aggiunti segni vocalici ai margini di una lettera — a volte separare altre volte toccando la lettera o incorporati nel corpo della lettera-forma stessa.

D. Incapacità di riconoscere le forme di lettera “modificate” quando vengono utilizzate come numeri, note musicali, ecc.

e. La qualità della scrittura è influenzata dalla scrittura di superfici, dispositivi e inchiostri, dalla frequenza di sollevamento del dispositivo di scrittura per riinchiostrarla e dall’incuria nell’uso di strumenti inchiostrati (ad esempio linee troppo spesse e troppo deboli).

F. Livello di ornamento, che varia in grado da pianura semplice a molto calligrafico.

G. Configurazione confusa/forma di forme di lettera di forma stretta — esempi equivalenti in inglese sono confusione a e d, b e p, l e I, o e e F.

H. Scrivere confusione come conseguenza di limitazioni vocaliche/incapacità di alcuni di pronunciare alcune lettere così come i fenomeni di cambiamenti sonori-che saranno discussi in un capitolo successivo

 

ii. Le Variazioni Sistematiche Del Suono [Cambia Suono]

Fin dai primi giorni di filologia comparativa, si è notato che i suoni delle lingue correlate corrispondevano in modi apparentemente sistematici. I più famosi di questi “cambiamenti sonori” sono stati elaborati da Jacob Grimm nel 1822 e sono diventati noti come “legge dei Grimm”.

La relazione circolare tra queste corrispondenze è una caratteristica importante:

G → K → X → GH → g

KH → K → KH

T → th [come in ‘ thin ‘] → DH [come in ‘ The ‘] → D → T

P → F (pH) → BH → B → P

Altri esempi sono:

  • M è spesso scambiato per N.
  • M diventa spesso B.
  • B → V
  • D → T come troviamo il nome Mohammed pronunciato Mehmet in turco.
  • K o C possono essere pronunciati come “G”.
  • Z può essere pronunciato ‘ ts ‘ (utilizzando un enfatico ‘ come la parola inglese ‘ falso ‘).
  • F → P
  • R e L sono spesso confusi.
  • GI è spesso scambiato con DI.
  • H può essere aggiunto o abbandonato alla fine di una parola.
  • D può essere caduto alla fine di una parola.
  • S può essere utilizzato al posto di sh.
  • W può essere G, th può essere F.
  • W può essere V.
  • Th [come in ‘ tre ‘] può essere F

Come esempio di questo fenomeno di cambiamento sonoro, il nome di una persona può ancora essere riconosciuto in suoni molto diversi, come Santiago/San Diego/San Jacob e Saint James. Jacob/Jack/Jaques/James sono uno e lo stesso nome, che esempliisce il fenomeno del cambiamento sonoro.

Un altro esempio semplice è: Michael, Mikhael, Miguel, Miqael, ecc., che, pur essendo lo stesso nome, varia solo in un suono al centro del nome. Si può immaginare che una variazione in due e ancora più suoni nella stessa parola/nome renderà il nome cambiato/parola suono come un nome totalmente diverso/parola.

Oltre alle numerose variazioni di cambiamenti sonori, molte persone hanno tendenze per invertire le lettere (consonanti e/o vocali) di una parola. Di conseguenza, finiremo con quelle che sembrano essere parole totalmente diverse.

Budge nel suo libro, lingua egiziana, pagina 27, ha scritto:

“La traslitterazione per rimuovere o modificare i suoni gutturaux che esistono nella lingua egiziana antica e perdere nelle lingue occidentali. Così i suoni gutturaux originali che caratterizzano l’antica lingua egiziana sono stati sacrificati e scomparsi nella scrittura attuale.

Isaac Taylor nel suo libro la storia dell’alfabeto stati a pagina 81:

“Nell’alfabeto greco le semi-consonanti semitiche (A, W, Y) e i respon gutturali (H & a.) è diventato vocali; Sordi aspirati e vocali addizionali sono stati evoluti; e i sibilanti hanno subito una trasformazione.

Taylor continua:

“Cinque vocali primitive sono state formate fuori dal respiro e dalle semi-consonanti, lettere che anche in lingue semitiche tendono a decadere nei suoni vocali imparentata. I tre respon, Aleph, è ayin, si prestarono prontamente a questo processo, perdendo tutto il loro carattere di gutturali, e affondando nelle vocali fondamentali, alfa, espsilon e o-micron. “

Taylor continua:

“Il Yod semi-consonante, che aveva il suono della y inglese o la j tedesca, è decadso facilmente nel suono vocale cognata di Iota. L’analogia ci porterebbe ad aspettarci che la WAW, l’altra semi-consonante, si indebolisse ugualmente nella vocale u. L’u-psilon greco, tuttavia, non occupa la posizione alfabetica del WAW, ma viene tra le nuove lettere alla fine dell’alfabeto. “

A pagina 280 dello stesso libro, Isaac Taylor scrive:

“Le sei vocali greche, alfa, Epsilon, ETA, IOTA, Omicron e Upsilon, sono state sviluppate da Aleph, lui, Cheth, Yod,’ ayin, e Vau. In armeno, georgiano e mongolo, un risultato simile è stato raggiunto quasi allo stesso modo.”

Isaac Taylor, nel suo libro la storia dell’alfabeto, afferma, a pagina 81:

“Nell’alfabeto greco… e i sibilanti hanno subito una trasformazione. “

 

[Estratti dalle modalità di scrittura Ancient Egyptian Universal Writing Modes (universali egizie antiche) di Moustafa Gadalla]

Le antiche modalità di scrittura universali egizie

Visualizza contenuti del libro a https://egypt-tehuti.org/product/ancient-egyptian-universal-writing-modes/

——————————————————————————————————————-

Punti vendita per l’acquisto di libri:
R – I tascabili stampati sono disponibili su Amazon.com
B – L’audiolibro è disponibile su kobo.com, ecc.
C – Il formato PDF è disponibile su Smashwords.com e https://books.google.com/
E – Il formato Mobi è disponibile su Amazon.com e Smashwords.com