La Diffusione Della Religione Egiziana

La Diffusione Della Religione Egiziana

 

Gli antichi Neteru egizi sono stati adottati come divinità in tutto il bacino del Mediterraneo e oltre. Ad esempio, i bassorilievi, le monete e altre antichità che sono state trovate in Tessaglia, Epio, Megara, Corinto, Argos, Malta, e molti altri luoghi raffigurato antico Neteru egiziano. Erodoto, nelle storie, libro 2 [2-8], scrisse:

I nomi di quasi tutti gli dèi vennero in Grecia dall’Egitto.

Questo ha senso una volta che riconosciamo che sostituendo le lettere (Sound Shift) è un fenomeno comune in tutto il mondo. Fin dai primi giorni di filologia comparativa, si è notato che i suoni delle lingue correlate corrispondevano in modi apparentemente sistematici. Come esempio del fenomeno del cambiamento sonoro, il nome di una persona può ancora essere riconosciuto in suoni molto diversi, come Santiago/San Diego/San Jacob e Saint James. Jacob/Jack/Jaques/James sono uno e lo stesso nome, che esempliisce il fenomeno del cambiamento sonoro.

Va notato che quello che comunemente consideriamo i nomi delle divinità sono in realtà gli “attributi” (nomi) di tali divinità. I veri nomi delle divinità (divinità, Dee) sono stati mantenuti segreti. Il vero nome era/è impregnato di poteri magici e proprietà. Conoscere e pronunciare il vero nome di un NETER/netert (Dio/dea) è quello di esercitare il potere su di esso. Per custodire il potere cosmico della divinità, gli antichi egiziani (e, più tardi, altri in tutto il bacino del Mediterraneo e oltre) spesso usavano “nomi” con connotazioni religiose. Baal significa semplicemente signore o sovrano; e così sentiamo parlare del Baal o del Baalat (signora) di tale città. Allo stesso modo, una divinità sarà chiamata Melek, che significa re. Così, anche, Adon, che significa Signore o Maestro. Melqart significava re della città. Altri “nomi” che significa ‘ favoriti dagli dèi ‘ o ‘ concessi dagli dei ‘ sono stati tradotti in latino come Fortunatus, Felix, Donatus, concessus, e così via.

Per affermare i rapporti di Erodoto dell’adozione greca delle divinità egiziane, le evidenze archeologiche nel 4 ° secolo A.C. dimostrano che Atene era fondamentalmente un centro della religione egiziana, e santuari a Isis, sia pubblici che privati, sono stati eretti in molte parti della Grecia durante tale periodo.

In Magna Graecia, i monumenti trovati a Catania in Sicilia dimostrano che questa città era un centro del culto delle divinità egiziane. L’Italia meridionale conteneva molti templi di Isis, e i resti di statue, ecc., trovati a Reggio, Puteoli, Pompei ed Ercolano dimostrano che il culto delle divinità egiziane deve essere stato comune.

Le pratiche religiose egizie antiche sono state riflesse in Grecia, per esempio, come confermato dal padre greco della storia, Erodoto, nelle storie, libro 2, [107]:

È stato anche gli egiziani che ha avuto origine, e ha insegnato ai greci di utilizzare riunioni cerimoniali, processioni, e le offerte processionali: un fatto che può essere dedotto dalla ovvia antichità di tali cerimonie in Egitto, rispetto alla Grecia, dove sono stati solo recentemente introdotte. Gli egiziani si incontrano in assemblea solenne non solo una volta all’anno, ma in diverse occasioni.

Affermando l’affermazione di Erodoto, Plutarco afferma in Moralia, Isis e Osiris, [378-9, 69],

Tra i greci anche molte cose sono fatte che sono simili alle cerimonie egiziane nei santuari di Isis, e li fanno circa allo stesso tempo.

A Roma, nel 1 ° secolo A.C., Isis fu considerato come il principale netert (DEA) della città. Grandi edifici e templi sono stati impostati in suo onore, pieni di oggetti egiziani, obelischi, altari, statue, ecc. che sono stati portati dall’Egitto al fine di rendere i santuari di Auset (ISIS) assomigliano a quelli del suo paese natale. Le sacerdotesse che hanno professato di conoscere bene i “misteri” di Auset abitavano in o vicino a questi templi, e assistevano nello svolgimento di servizi e cerimonie in cui parteciparono grandi congregazioni. Da Roma, la riverenza per Auset si diffuse naturalmente nelle province e oltre.

Nell’antica cosmologia egizia, Isis rappresenta il potere responsabile della creazione di tutte le creature viventi. Di conseguenza, gli antichi egiziani la chiamavano Isis con il 10.000 nomi/attributi. Plutarco ha preso atto di questo e ha scritto, nel suo Moralia Vol. Presso:

Isis è, infatti, il principio femminile della natura, ed è ricettivo di ogni forma di generazione, in accordo con il quale è chiamata da Platone la dolce infermiera e la più ricettiva, e dalla maggior parte delle persone è stata chiamata da innumerevoli nomi, poiché, a causa della forza della ragione. si trasforma in questa cosa o che è ricettiva di ogni sorta di forme e forme.

I “molti nomi” di Isis sono stati adottati in tutta la Grecia e in Italia e oltre. Così, i greci e Romani la identificarono frequentemente come Selene, Demetra, Cerere, e con diverse Dee di colture e del raccolto in generale. Fu anche considerata una dea della terra; e come tale era la madre di tutta la fertilità e l’abbondanza. Alcuni dei suoi attributi la causarono di essere identificati come Afrodite, Giunone, Nemesis, fortuna e Panthea.

Le antiche pratiche religiose egiziane associate a Isis e Osiris avevano compiuto importanti passi in Italia. In Campania, un’iscrizione, datata al 105 A.C., fu trovata in un tempio dell’antica Sarapis egizia (SAR-Apis) a Puteoli, prova che il Tempio esisteva prima di quella data. Circa 80 A.C. (al tempo di Silla), un collegio dei servi di Isis (o Pastophori) è stato fondato a Roma, e un tempio è stato costruito in città. Nel 44 A.C., un tempio fu costruito a Roma per onorare Isis e Osiride; e pochi decenni dopo, il Festival di queste divinità egiziane è stato riconosciuto nel calendario pubblico.

Il festival principale in Italia corrispondeva esattamente all’antico festival Egizio che commemorava l’assassinio di Osiride e il ritrovamento del suo corpo da parte di Isis. Come nell’antico Egitto, ha aperto a novembre con il canto di nenie e Lamentazioni straziante per la morte di Osiride, che erano, senza dubbio, basate sulle composizioni che sono state cantate in Egitto circa allo stesso tempo. Poi, il secondo giorno, furono promulgate scene che rappresentavano il frenetico dolore e l’ansia di coloro che andavano a cercare il corpo di Osiride. Il terzo giorno, Isis trovò il corpo del marito, e ci fu grande gioia nel tempio. Il dolore diede luogo alla gioia e alle lacrime alle risate, musicisti di ogni genere riuniti e giocavano i loro strumenti, uomini e donne ballato, e tutti celebrati.

Le pratiche religiose egizie antiche si riferiscono alla storia del modello di Isis e Osiride diffuse in tutta l’Europa meridionale e in molte parti del Nord Africa, e continuò ad essere un potere religioso in queste regioni fino alla chiusura del 4 ° secolo CE. Queste idee e credenze antiche egiziane sopravvissero nel cristianesimo, per cui Maria la Vergine assunse gli attributi di Isis la madre eterna e il bambino Gesù assunse quelli di Horus.

[Per ulteriori informazioni sulle antiche radici egiziane del cristianesimo, Leggi il libro Le radici del cristianesimo nell’Antico Egitto di Moustafa gadalla.]

 

[Un estratto dall’Alla Scoperta Della Cultura Dell’antico Egitto, 2a edizione di Moustafa gadalla]

Visualizza contenuti del libro a https://egypt-tehuti.org/product/alla-scoperta-della-cultura-dellantico-egitto/


Visualizza contenuti del libro a https://egypt-tehuti.org/product/le-radici-del-cristianesimo-nellantico-egitto/

——————————————————————————————————————-

Punti vendita per l’acquisto di libri:
Alla Scoperta Della Cultura Dell’antico Egitto
A – I tascabili stampati sono disponibili su Amazon.com
B – L’audiolibro è disponibile su kobo.com, ecc.
C – Il formato PDF è disponibile su Smashwords.com e https://books.google.com/
E – Il formato Mobi è disponibile su Amazon.com e Smashwords.com

Le radici del cristianesimo nell’Antico Egitto

A – I tascabili stampati sono disponibili su Amazon.com
B – L’audiolibro è disponibile su kobo.com, ecc.
C – Il formato PDF è disponibile su Smashwords.com e https://books.google.com/
E – Il formato Mobi è disponibile su Amazon.com e Smashwords.com