Osiride

Osiride (Ausar, Usire)

 

Osiride rappresenta l’aspetto ciclico della natura — la creazione fisica e i suoi cicli di divenire e di ritornare.

Osiride simboleggia il divino in forma mortale. Osiride è di solito rappresentata come un corpo umano mummificato, barbuto che indossa la corona bianca. Osiride è di solito raffigurato portando:

-il ladro del pastore (essendo il pastore dell’umanità).
-il mazzafrusto simboleggia la capacità di separare il grano dalla Pula.
-lo scettro della supremazia.

Osiride è scritto con il glifo del trono e l’occhio, combinando i concetti di legittimità e divinità. Il glifo di Isis è il trono/sedile e come tale dà a suo marito Osiride il potere divino di governare.

 

 

Il concetto di divino in forma mortale non è solo limitato agli esseri umani. Osiride rappresenta il processo, la crescita e gli aspetti ciclici sottostanti dell’universo, in parte e nel suo insieme.

Copriremo qui tre argomenti principali relativi a Osiris:

1. Osiride nel processo di creazione
2. Osiride come “nostro padre nei cieli”
3. Osiride & la risurrezione egiziana

1. Osiris nel processo di creazione

A. La divinità ciclica
B. Osiride e re/ra
C. Osiride e Isis
D. Osiride la luna
E. Osiride la spina dorsale della creazione
F. Osiride l’acqua — i quattro elementi della creazione

1a. La Divinità Ciclica

Il tema principale dei testi antichi egizi è la natura ciclica della creazione che nasce, vive, muore e rigenera di nuovo.

Il ciclo più ovvio e universale per l’uomo è il ciclo solare. Il sole, Nato di nuovo ogni mattina, attraversa il cielo, invecchia, muore e viaggia attraverso gli inferi durante la notte in un ciclo di rigenerazione.

Osiride rappresenta l’aspetto ciclico della natura — la creazione fisica e i suoi cicli di divenire e di ritornare.

Il numero ciclico universale per eccellenza è sette. Sette di qualcosa fa spesso un set completo — i 7 giorni della settimana, 7 colori dello spettro, 7 note della scala musicale, ecc. Le cellule del corpo umano sono completamente rinnovate ogni 7 anni.

La parola egiziana per il numero sette è Sab-AA, che è la stessa parola per Lion.

Uno dei titoli di Osiris era il Leone; la stessa parola di Seven.

Il segno zodiacale di Leone è stato scelto per significare il periodo dell’anno in cui i leoni vanno al bordo dell’acqua per bere all’inizio della stagione delle piogge.

Non solo Osiris è legato al numero sette e al leone, ma è anche associato con l’approvvigionamento idrico, come vedremo più avanti qui.

Poiché Osiride rappresenta il potere latente della risurrezione per iniziare un nuovo ciclo, gli egiziani raffigurano il letto di morte a forma di Leone essendo il numero sette (essendo Osiride).

Il volto di Osiride è raffigurato in un colore nero quando rappresenta lo stato di morte .

Ed è mostrato con un volto verde quando rappresenta lo stato di Resurrezione/rinnovamento .

1b. Osiride E Ra [Re]

Etimologicamente, la relazione tra re e Osiride diventa evidente. La parola egizia di Osiride è aus-ra.

La parola aus significa il potere di, o la radice di. Come tale, il nome Ausar consiste di due parti: Aus-ra, che significa il potere di ra, che significa la rinascita di ra [re].

Il principio che fa venire la vita dalla morte apparente è ed è stato chiamato Ausar, che simboleggia il potere del rinnovamento. Aus-ra rappresenta il processo, la crescita e gli aspetti ciclici sottostanti dell’universo.

Il ciclo perpetuo dell’esistenza — il ciclo della vita e della morte — è simboleggiato da RA (re) e Ausar (Osiride). Ra è il NETER vivente [Dio] che scende nella morte per diventare Ausar, il NETER [Dio] dei morti. Ausar [Osiride] ascende e prende vita di nuovo come ra [re].

La creazione è continua: è un flusso di vita che progresta verso la morte. Ma fuori dalla morte, nasce una nuova ra, che germogliare nuova vita. Ra è il principio cosmico dell’energia che si muove verso la morte, e Ausar [Osiris] rappresenta il processo di rinascita.

Così, i termini di vita e di morte diventano intercambiabili: la vita significa morire lento; morte significa risurrezione a nuova vita. La persona morta nella morte è identificata con Ausar [Osiris], ma tornerà a vivere e sarà identificata con RA [re].

Il ciclo perpetuo di Ausar [Osiris] e ra [re] domina i testi egizi antichi, come:

Nel libro della venuta avanti della luce, sia Ausar che ra vivono, muoiono e nascono di nuovo. Nel mondo degli inferi, le anime di Ausar e ra si incontrano e sono unite per formare un’entità, descritta in modo così eloquente:

Sono le sue due anime nei suoi gemelli.

Nel capitolo 17 del libro della venuta avanti dalla luce, il defunto, identificato con Ausar [Osiris], dice:

Sono ieri, conosco il giorno dopo.

Nella tomba della regina Nefertari (moglie di Ramses II) è una rappresentazione ben nota del NETER solare morto (Dio) come un corpo mummiforme con la testa di un Ariete, accompagnato da un’iscrizione, destra e sinistra:

Questa è ra Re che viene a riposare in Ausar Osiris .
Questo è Ausar Osirische viene a riposare in ra Re.

 

1c. Osiride E Isis

Isis rappresenta il principio femminile nell’universo, e il suo marito allegorico Osiris rappresenta il principio maschile universale.

Gli aspetti più significativi (ma non tutti) di Isis e Osiride sono meglio descritti da Diodoro di Sicilia, libro I, 11. 5-6:

“Questi due Neteru (dèi), tengono, regolano l’intero universo, dando nutrimento e aumento a tutte le cose…”

“Inoltre, praticamente tutta la materia fisica che è essenziale per la generazione di tutte le cose è arredata da questi due Neteru (dèi, Dee) , Isis e Osiride, simboleggiato come il sole e la luna… “

Osiride rappresenta l’incarnazione (emanazione) della luna, che riflette la luce dell’Isis il sole.

1d. Osiride La Luna — Cicli Di Fertilità

I testi egiziani descrivono Osiride come la luna. Il ciclo della luna è la manifestazione perfetta della natura ciclica dell’universo, in tutto e in parte. La luna si allontana e scompare per qualche giorno, per riapparire nuovamente, rappresentando la vita, la morte e la rinascita — ancora e ancora e ancora.

Il principio che fa venire la vita dalla morte apparente era/si chiama Ausar [Osiride], che simboleggia il potere del rinnovamento.

Osiride rappresenta il processo, la crescita e gli aspetti ciclici sottostanti dell’universo. Pertanto, è stato identificato anche con gli spiriti (energie) di grano, alberi, animali, rettili, uccelli, ecc.

La rappresentazione più impressionante del concetto di rigenerazione, cioè Osiris, è l’illustrazione raffigurante “la risurrezione del grano” con 28 steli di grano che crescono dalla sua bara.

Il ciclo di 28 (7 × 4) è anche il ciclo di mestruazioni nelle donne, su cui dipende tutta la vita umana.

È anche interessante notare che la vita di Osiride (o il suo Regno), secondo la simbolica storia del modello egiziano, durò 28 (7 × 4) anni.

1e. Osiride La Spina Dorsale Della Creazione

Il pilastro Tet [Djed] è la colonna vertebrale della creazione, che è associata a Osiride come il suo simbolo sacro.

Il pilastro Tet [Djed] rappresenta il tronco dell’albero di cedro, che simboleggia la possibilità di una vita rinnovata.

È raffigurato qui come il corpo di Osiride circondato da un albero di cedro.

Dal momento che il pilastro del Tet rappresenta una vita rinnovata, appare (insieme al simbolo dell’ISIS) quasi sempre in tutte le tombe e nei templi più (se non tutti) così come i papiri e i gioielli.

Il simbolo di Isis fu chiamato Thet, che suona molto vicino al Tet, essendo il simbolo di Osiride.

L’ISIS ‘ thet è raffigurato come un nodo che sembra essere un genitalia femminile stilizzato. L’amuleto di Isis trasmette la virtù del sangue di Iside, la sua forza e le sue parole di potere.

Il Tet [Djed] rappresenta il Sacrum di Osiride; cioè la parte della schiena che è vicino al dotto dello sperma, perché simboleggiava il seme di Osiride. È stato, quindi, naturale per raffigurare gli organi genitali di Isis come un amuleto compagno; per i due amuleti, i poteri procreativi dell’uomo e della donna sarebbero simbolizzati.

1 f. Osiride L’acqua — I Quattro Elementi Della Creazione

I quattro elementi della creazione rappresentano i quattro elementi necessari alla materia.

Osiride rappresenta l’acqua come elemento fertilizzante, fertilizzando il suolo della madre terra — essendo ISIS-per portare avanti tutte le creazioni. Osiride come l’acqua rappresenta il ciclo più importante nella creazione; vale a dire il “ciclo dell’acqua”.

Gli egiziani utilizzavano i quattro semplici fenomeni (fuoco, aria, terra e acqua) per descrivere i ruoli funzionali dei quattro elementi necessari alla materia.

I quattro elementi del mondo (acqua, fuoco, terra e aria), come citato da Plutarco di Moralia, vol. Presso:

“Gli egiziani semplicemente danno il nome di Osiride a tutta la fonte e facoltà creativa di umidità, credendo che questo sia la causa della generazione e la sostanza dei semi che producono la vita; e il nome di Seth [Typhon] danno a tutto ciò che è asciutto, ardente e arido, in generale, e antagonista all’umidità.

Come gli egiziani considerano il Nilo come l’effusione di Osiride, così essi detengono e credono che la terra sia il corpo di Isis, non tutto, ma così gran parte di esso come il Nilo copre, fertilizzando e unendo con esso. Da questa Unione fanno di Horus la nascita. Il tutto conservando e favorendo Hora, che è il temperamento stagabile dell’aria circostante, è Horus l’insidioso intrigante e usurpazione di Seth [Typhon], allora, è il potere della siccità, che guadagna il controllo e dissente l’umidità che è la fonte del Nilo e del suo sorgere “.

Qui vediamo come Osiris sta rappresentando il ciclo dell’acqua come il fuoco/calore evapora l’acqua, che condenserà di nuovo e cadere come acqua alla superficie della terra.

Osiride rappresenta le prospettive di inondata e di rinnovata vegetazione. Osiride è identificato nei testi egiziani come: il nostro raccolto e il nostro raccolto.

2. Il Nostro Padre Nei Cieli

Un. Il divino in forma mortale
B. Osiride lo spirito ancestrale
C. Osiride le API di Bull sacrificali

2a. Il Divino In Forma Mortale

Secondo la filosofia egiziana, sebbene tutta la creazione sia di origine spirituale, l’uomo è nato mortale, ma contiene in sé il seme del divino. Il suo scopo in questa vita è quello di nutrire quel seme, e la sua ricompensa, se ha successo, è la vita eterna, dove si riunirà con la sua origine divina.

Al fine di riunirsi con la nostra origine divina, gli egiziani seguirono il modello allegorico di Osiride.

Secondo le antiche tradizioni egizie, Osiride giunse sulla terra a beneficio dell’umanità, portando il titolo di manifester di bene e di verità.

Come per la storia del modello egiziano, nonostante la sua morte allegorica, Osiride portò il seme vivente dell’eternità — Horus — dentro di lui. Come tale, Osiride rappresenta l’uomo mortale portando in sé la capacità e il potere della salvezza spirituale. Tutti i morti erano/sono equiposti a Osiride, perché Osiride è un principio cosmico, non una persona storica.

Permettetemi di ripetere questo fatto: tutti i morti — maschi e femmine — ricchi e poveri — sono tutti chiamati Osiride in tutti i testi funerari di tutte le età. Ogni speranza egiziana era/è per la risurrezione in un corpo trasformato e per l’immortalità, che poteva essere realizzato solo attraverso la morte e la risurrezione di Osiride.

2B. Osiride Lo Spirito Ancestrale

Gli antenati sono quelle persone che un tempo vivevano sulla terra e poi tornarono in cielo. Osiride è il modello antenato — per Osiride una volta viveva (allegoricamente parlando) sulla terra e poi tornò in cielo.

Il concetto di Osiride come il grande antenato esteso all’antica e Baladi egiziano tutta la sociologia e l’esistenza. Dall’inizio alla fine, una lunga catena di precedenti ancestrali divenne una consuetudine e una legge. Il dovere di ogni egiziano era/è quello di onorare i loro antenati con azioni responsabili e buone azioni.

Tutto ciò che fecero-ogni azione, ogni movimento, ogni decreto-dovevano essere giustificati in termini di precedenza ancestrale a rispettare e a spiegare le loro azioni e i loro atti.

L’intera sociologia e l’esistenza degli egiziani antichi e Baladi, dall’inizio alla fine, non è altro che una lunga catena di precedenti ancestrali — ogni singolo legame e rivetto di cui è diventata una consuetudine e una legge-dai loro padri spirituali a se stessi, nella carne.

Platone e altri scrittori affermarono la completa aderenza degli egiziani alle proprie tradizioni.

Nulla è cambiato con questo atteggiamento da allora; per ogni viaggiatore in Egitto da quel momento ha confermato le alleanze a tale conservatorismo.

Ogni egiziano ha imparato/impara a onorare i suoi antenati perché sarà giudicato da loro — come simboleggiato in Osiride, il Gran antenato, che, come il grande giudice dei morti, presista le procedure del giorno del giudizio.

Osiride è sempre raffigurato sotto un tetto a cupola.

La forma della cupola significa oro — l’obiettivo finale del sentiero spirituale.

Come Osiride, gli antenati con speciali poteri spirituali — come i Santi — sono sempre trovati sepolti sotto un piccolo edificio a cupola.

Tali edifici bombati punteggiano il paesaggio egiziano.

Maggiori informazioni su questo punto si trovano nella nostra pubblicazione Mystics egiziano: i cercatori della via di Moustafa gadalla.

2C. Osiride Le API Di Bull Sacrificali

[Le immagini di supporto per questa sottosezione si trovano nella sezione Apis precedente di questo capitolo del libro.]

Ci vuole una vita per salvare una vita. Osiride giunse sulla terra per il bene dell’umanità, e fu sacrificato e divenne il Signore del giudizio nell’altro mondo. Osiride è il rinnovamento allegorico della vita. Bisogna morire — figurativamente — per rinascere.

Troviamo una concezione simile e successiva nella religione di Abramo, dove Abramo sacrificò un ariete per salvare la vita di suo figlio.

Uno dei rituali più importanti nei festival annuali egiziani fin dai tempi antichi è il sacrificio rituale del Toro, che rappresenta il rinnovamento delle forze cosmiche attraverso la morte e la risurrezione della divinità Toro.

Gli egiziani collegavano le API, viventi e morte, con Osiride. Era il figlio di Osiride ed era il “immagine vivente di Osiride“.

Dopo la morte del suo corpo, la sua anima era pensata per andare in paradiso, dove si unì a Osiride e formò con lui il dual-God Asar-Hepi, o Osiris-Apis. Bull è fondamentalmente l’incarnazione di Osiride.

Scrittori classici di antichità affermano che Apis il Toro è stato sacrificato per Osiride dal tempo di Mena, 5.000 anni fa.

Nelle antiche tradizioni egiziane, il vino fu sacrificato per il sangue di Osiride.

Gli egiziani si sentivano obbligati a mangiare la carne del Toro sacrificale e a bere vino durante le festività per ricevere la benedizione divina.

Che il vino è stato sacrificato per il sangue di Osiride è raffigurata in praticamente tutte le tombe egiziane. Le pareti delle antiche tombe egizie mostrano ai vignaioli la spremitura di vino nuovo, e la vinificazione è ovunque come una metafora costante dei processi spirituali e dei temi della trasformazione e del potere interiore. Il processo di vinificazione di coltivazione, raccolta, pressatura e fermentazione è una metafora dei processi spirituali.

L’anima, o la porzione di Dio interiore, provoca fermento divino nel corpo della vita. Si è sviluppato lì, come sulla vite, dal sole del sé spirituale dell’uomo. La potenza fermentata del vino era, al suo livello spirituale più profondo, un simbolo della presenza del Dio incarnato all’interno della persona spiritualmente consapevole.

L’occupante della tomba è mostrato qui bere vino — il sangue sacrificale di Osiride.

Nel libro dei morti, Osiride è indirizzata come “bolla di amentet”; cioè “Toro dell’altro mondo“.

Nell’antico Egitto, la divinità madre, Isis, aveva un figlio che, sotto forma di Toro, veniva sacrificato annualmente per assicurare il ciclo delle stagioni e la continuità della natura.

Secondo le pratiche attuali, gli scrittori antichi affermava che era la madre che fu scelta per produrre un vitello con particolari qualità — era la bolla di sua madre, per così dire.

Erodoto, nel descriverlo, dice:

“Apis, chiamato anche epaphus, è un giovane toro, la cui madre non può avere altri discendenti, e che è riferito dagli egiziani per concepire da un fulmine inviato dal cielo, e quindi per produrre il toro-Dio Apis”.

Le connotazioni religiose di questo sacrificio sono un’eco di un sacrificio nel Sacramento, dove ci viene ricordato la morte di Cristo in modo che l’umanità possa essere salvata. In sostanza, si tratta di un vero e proprio dramma religioso in cui, come nella messa cattolica, un Dio è adorato e sacrificata.

Diodoro, nel libro i, [85, 3-5], spiega i poteri di ringiovanimento del Toro sacrificale:

“Alcuni spiegano l’origine dell’onore accordato questo toro in questo modo, dicendo che alla morte di Osiride la sua anima passò in questo animale, e quindi fino ad oggi egli passò sempre nei suoi successori ai tempi della manifestazione di Osiride.”

Osiride rappresenta il processo, la crescita e gli aspetti ciclici sottostanti dell’universo, il principio che fa sì che la vita provenga dalla morte apparente.

Osiris rappresenta il principio di ringiovanimento/rinnovamento nell’universo. Pertanto, nel contesto dell’antico Egitto, il toro ha dovuto subire una morte sacrificale per garantire la vita della Comunità. Il sacrificio dell’animale Santo e il mangiare della sua carne portarono a uno stato di grazia.

Le piccole tavolette nelle tombe egiziane antiche a volte rappresentano un toro nero che porta il cadavere di un uomo alla sua dimora finale nelle regioni dei morti. Il nome di questo toro è mostrato di essere Apis, perché Osiris rappresenta lo stato di morte in tutti/cosa — il divino in forma mortale.

In tutto l’Egitto e in tutte le epoche, i tori sono raffigurati in tombe e templi, da sacrificare durante le feste per rinnovare e ringiovanire la vita.

3. Osiride & La Risurrezione Egiziana

Un. Come padre come figlio
B. La via del padre
C. La gloria

3A. Osiride E Horus, Come Padre Come Figlio

Nell’allegoria egiziana, la moglie di Osiride Isis fu in grado di concepire il suo bambino Horus senza l’impregnazione di Osiride. Fu la prima Immacolata concezione registrata nella storia.

Gli egiziani guardarono Osiride e Horus come uno, in due forme complementari.

Allo stesso modo, negli insegnamenti biblici, Cristo è a volte indicato come il “figlio di Dio” e in altre occasioni semplicemente come Dio.

Nel Vangelo di Giovanni, Cristo dice: “Io e il padre siamo uno”.

Gli Egiziani credevano nella divinità antropomorfica o nell’ideale di Horus (Cristo), la cui vita in questo mondo e nel mondo al di là era tipica della vita ideale dell’uomo. L’incarnazione principale di questa divinità erano Osiride e suo figlio, Horus (Cristo).

Né Osiris né Horus furono mai considerati storici.

Osiride rappresenta l’uomo mortale portando in sé la capacità e il potere della salvezza spirituale.

Osiride simboleggia il subconscio — la capacità di agire; da fare; mentre Horus simboleggia la coscienza, la volontà e il potenziale di agire; da fare.

3B. La Via Del Padre

L’egittologo britannico, Sir E.A. Wallis Budge, lo riassume a pagina VII del suo libro, Osiride e la resurrezione egiziana, vol. I, come segue:

“La figura centrale dell’antica religione egiziana era Osiride, e i principali fondamenti dei suoi seguaci erano la credenza nella sua divinità, morte, risurrezione e controllo assoluto dei destini dei corpi e delle anime degli uomini. Il punto centrale di ogni religione di Osirian era la sua speranza di risurrezione in un corpo trasformato e di immortalità, che poteva essere realizzato solo da lui attraverso la morte e la risurrezione di Osiride. “

Fin dal primo periodo dell’antica storia egizia, gli Egiziani credevano che Osiride fosse di origine divina: una in parte divina e in parte umana, che si era alzata dai morti senza aver visto la corruzione.

Ciò che Osiride aveva effettuato per se stesso, avrebbe potuto effetto per l’uomo. Come modello, gli antichi egizi credevano che ciò che fece Osiride, potevano fare. Perché aveva conquistato la morte, anche i giusti, potevano conquistare la morte e raggiungere la vita eterna. Sarebbero risorti e raggiungerebbero la vita eterna.

Il tema nel libro egiziano delle caverne parla della necessità di morte e dissoluzione (del carnale e del materiale), prima della nascita dello spirituale. Questo è riecheggiato dal Gesù biblico quando dice:

Ad eccezione di un mais di grano cadere nel terreno e morire, si dimora da solo: ma se muore, si porta avanti molto frutto [Giovanni 12:24]

Paolo si riferisce anche allo stesso principio in i Corinzi 15:36:

. . . quello che tu semini non è vivificato, se non muore.

Un altro esempio è il simbolismo del vino biblico, che può essere ricondotto all’antico Egitto, dove le mura delle antiche tombe egizie mostrano i vignaioli che premono vino e vinificazione sono ovunque una metafora costante dei processi spirituali e dei temi della trasformazione e potenza interiore.

In luoghi nelle Scritture egizie, Osiride stesso è stato caratterizzato come la vite.

L’anima, o la porzione di Dio interiore, provoca il fermento divino nel corpo della vita. Si è sviluppato lì, come sulla vite, dal sole del sé spirituale dell’uomo. La potenza fermentata del vino era, al suo livello spirituale più profondo, un simbolo della presenza del Dio incarnato all’interno della persona spiritualmente consapevole.

Ma chi vuole essere come in modo che possa guidarci di nuovo al padre? La risposta è suo figlio: Horus.

Il giorno del giudizio, Horus, figlio di Isis, agisce come mediatore tra il defunto e il padre Osiride. Tutti gli egiziani volevano/vogliono che il figlio di Dio Horus li porti (morti) alla vita — come raffigurato in queste tombe egizie.

Allo stesso modo, nel cristianesimo, il motivo cristiano era/si fonda sulla necessità di un mediatore; un figlio di Dio come un pastore onnipotente e un figliuolo che vive tra l’uomo comune.

3C. La Gloria

Negli antichi testi egizi, l’anima realizzata raggiunge la gloria e si unisce all’origine divina. Allo stesso modo, la Bibbia ci dice che Gesù si dice abbia raggiunto la gloria solo dopo la sua morte e risurrezione:

… Dio, che lo ha sollevato dai morti e gli ha dato gloria… [I Pietro, 1:21]

La gloria è la bellezza radiosa dello splendore e della magnificenza — il cielo o la beatitudine del cielo — che si ottiene con il massimo risultato. La gloria è rappresentata nell’opera d’arte come un alone o un cerchio di luce. Nell’antico Egitto, il NETER (Dio) RA (re) rappresenta la luce ed è raffigurato come un cerchio.

 

[Un estratto dalle Egyptian Divinities: The All Who Are THE ONE, 2nd ed.(divinità egizie: il tutto chi è l’uno, 2a edizione) di Moustafa Gadalla]

Divinità egizie: il tutti coloro che sono l'uno, 2 ° ed.

Visualizza contenuti del libro a https://egypt-tehuti.org/product/07-details-80-egyptian-divinities-gods-goddesses-specific-roles/

——————————————————————————————————————–

Punti vendita per l’acquisto di libri:

A – I tascabili stampati sono disponibili su Amazon.com
B – L’audiolibro è disponibile su kobo.com, ecc.
C – Il formato PDF è disponibile su Smashwords.com e https://books.google.com/
E – Il formato Mobi è disponibile su Amazon.com e Smashwords.com